Ok Il Prezzo è Giusto

1 04 2010

Ho recuperato alcune rilevazioni in store relative ai prezzi applicati da alcune delle maggiori catene di riferimento per la distribuzione del videogioco. Purtroppo tra queste non possono essere ignorate quelle che vendono la friggitrice della zia con allegato Assassin’s Creed 2.

Vi prendo come esempio un paio di titoli con la precisazione che il trend che andremo ad analizzare è lo stesso anche per altri videogiochi.

Bioshock 2 PS3

  • Blockbuster (conosciuta anche come “siamo in bancarotta ma va tutto bene”) –> 64,95€
  • Euronics (le false promozioni hanno sempre ragione!) –> 59,90€
  • Expert (credevo che i videogiochi per Amiga fossero ancora in commercio) –> dato non disponibile
  • La Feltrinelli (cambio un buyer al giorno) –> 64,90€
  • Fnac (gli unici che voglio salvare) –> 69,90€
  • Auchan (mi viene in mente solo una cosa, PERCHE’!?!?!?) –> 64,90€
  • Carrefour (vedi sopra) –> 64,90€
  • Gamestop (il mio usato costa più del nuovo e faccio come cazzo mi pare) –> 64,90€
  • Media World (vendo TUTTO sotto costo anche se non posso) –> 39,90€

Assassin’s Creed 2 Xbox 360

  • Blockbuster –> 69,95€
  • Euronics –> 69,90€
  • Expert –> 59,99€
  • La Feltrinelli –> 69,90€
  • Fnac –> 69,99€
  • Auchan –> 69,90€
  • Carrefour –> 59,90€
  • Gamestop –> 69,90€
  • Media World –> 49,90€

Come vedete c’è sempre un’insegna che sente il profondo desiderio di distinguersi dal resto della massa, e se questo non può che far piacere al cliente finale (viva la lotta dei prezzi), dall’altra parte denota come anche nel magico mondo della gdo regni un caos ed anarchia totali.

Per un videogioco risulta veramente assurdo trovare queste differenze di prezzo passando da un’insegna all’altra (non si parla di medio-piccoli retailer contro gd), prima di tutto perchè bene o male queste strutture hanno rapporti diretti con i vari publisher (se così non fosse, allora facciamoci tutti una sana risata), e successivamente perchè visti i margini assurdi che girano in questo settore, fare una guerra di prezzi come quella che vediamo oggi, corrisponde ad un suicidio sia a livello commerciale che di settore.

Mi vengono in mente solo un paio di possibilità ed idee che possano giustificare queste differenze di prezzo:

  • Rivalutazione prodotto invenduto (ovviamente garantita solo a pochi eletti = gd)
  • Importazione parallela (ormai la fanno cani e porci)

Si vuole dare credibilità al sistema e poi non passa giorno senza che qualcuno decida che è tempo di fare di testa propria e mandare a puttane quelle due/tre regole che tutti dovrebbero seguire e che, addirittura, molte altre realtà più piccole sono costrette a fare, pena la chiusura!


Azioni

Information

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: